La gnatologia è una branca piuttosto recente dell'Odontoiatria che si intende di come la malocclusione dentale porta ad una disfunsione della colonna vertebrale. La gnatologia, nell’uomo studia la fisiologia, la patologia e le funzioni della mandibola (masticazione, deglutizione, fonatoria, posturale) e di conseguenza, studia i rapporti tra i mascellari, i denti, le due articolazioni temporo-mandibolari, i muscoli che muovono i mascellari e il sistema nervoso che comanda quei muscoli, compresa la lingua.
Questo studio risalta come la malocclusione dentale porta ad una disfunsione della colonna vertebrale, questo può portare ad alterazioni delle attività funzionali,  soprattutto se iniziano dall'infanzia.


Questo effetto caratterizzato dall'occlusione dentale è ormai dimostrato ed è uno dei sistemi coinvolti per il raggiungimento della postura perfetta, e di conseguenza dell'equilibrio.

Con un occlusione nella "norma", o ideale, si intende la presenza di tutti i denti correttamente allineati, delle adeguate guide canine e incisive che proteggono i dentiposteriori nei movimenti eccentrici mandibolari e dei carichi occlusali ben distribuiti e bilanciati.
Se uno di questi fattori non sono nella "norma" si possono avere delle malocclusioni, perciò la gnatologia si preoccupa di portare la propria occlusione dentale il più nella "norma" possibile.

Terapia

La terapia gnatologica consiste nel ristabilire i normali rapporti fra condilo mandibolare, disco articolare e fossa glenoide. Pertanto è la posizione mandibolare reciprocamente al cranio che fa la differenza tra successo ed insuccesso. Allo scopo servono manufatti prevalentemente di resina e metallo (bite) che riposizionano la mandibola producendo allo stesso tempo un rilassamento muscolare dei muscoli masticatori e di tutti gli altri muscoli interessati.

Una volta eliminate le contratture si procede alla terapia di stabilizzazione dei risultati, che può prevedere la correzione occlusale per apposizione, per sottrazione o per modifica tramite ausili che possono andare da un semplice molaggio selettivo per eliminare interferenze (a volte causate da restauri malposti), ad un ripristino delle corrette altezze tramite onlays, corone o delle edentulie tramite protesi, infine si possono modificare posizioni dentali tramite ortodonzia.

Esistendo molte scuole gnatologiche, i mezzi terapeutici possono variare, anche se è piuttosto costante il ricorso a placche occlusali (di svincolo/rilassamento o "bite planes", indendate, ortotici, di ricattura menisco, protettive etc...). Se la terapia non ha successo si può quindi ritentare con altra metodologia, solo in caso di permanenza di problemi interni alle articolazioni e come ultima spiaggia, previa diagnosi strumentale (risonanza magnetica nucleare e più raramente tomografia assiale computerizzata delle articolazioni temporo-mandibolari), si può abbandonare la gnatologia per ricorrere a chirurgia più o meno invasiva in base al grado di gravità del problema (lavaggi intra-articolari, chirurgia endoscopica, chirurgia ATM (articolazione temporo-mandibolare) classica)


Copyright © 2013-2015 - All Rights Reserved - http://www.ortodonziaonline.it/ - cookie policy - Webmaster: Ferdinando Torriero

Template by OS Templates